Asta 426 / Lotto n° 352

Umberto Bellotto

 (  Venezia   1882  -  Venezia   1940  )


"Connubio ferro e vetro" Vaso ovoidale a sezione schiacciata in vetro soffiato incolore con decoro sul fronte a canne e a murrine nei colori blu, celeste, giallo, rosso, verde, avventurina e con due profili di gondola in vetro ametista scuro. Orlo prominente in vetro nero. Montatura fitomorfa in ferro battuto con base a calotta lavorata a sbalzo. Esecuzione Vetreria Artistica Barovier, Murano, 1923ca. Si tratta di un "connubio" esposto alla I mostra internazionale delle arti decorative di Monza, 1923, di cui è noto un altro esemplare con piccole varianti. (vaso h cm 33; h tot cm 78) (lievi difetti) Provenienza Collezione privata, Roma Esposizioni Mostra di Umberto Bellotto, I mostra internazionale delle arti decorative di Monza (Biennale di Monza), 1923 Bibliografia Catalogo della Prima Mostra Internazionale delle Arti Decorative, Milano 1923, p. 58; R. Calzini, Ferri battuti in La prima biennale d’arte decorativa a Monza, supplemento di “Lidel”, 1923, s.p.; D. Guadagnini, Le industrie caratteristiche delle Tre Venezie e la prima Mostra Biennale Internazionale delle Arti Decorative in Monza, Quaderno Mensile dell’Istituto Federale di Credito per il Risorgimento delle Venezie, luglio 1923, figg. 58, 61 M. Barovier e C. Sonego, Umberto Bellotto. Un artista tra ferro e vetro in "Forme Moderne", n. 4, aprile 2010, pp. 22, 23. In particolare l'esemplare in asta è illustrato dalla foto storica riprodotta a rovescio a p. 26; M. Barovier, Venetian Art Glass. An American Collection 1840-1970, Arnoldsche, Stuttgart 2004, p.18; Umberto Bellotto. Ricami in ferro e vetro, a cura di D. Balzaretti, Abidue, Sesto S. Giovanni, 1992, p. 15; M. Barovier, R. Barovier Mentasti, A. Dorigato, Il vetro di Murano alle Biennali 1895-1972, Leonardo, Milano 1995, p. 26

In asta: 19 Giugno 2018 ore 15:30

Valutazione 40.000 - 50.000€

Battuto 140.000€
Share

Torna su