ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

L'asta primaverile di Arte Moderna e Contemporanea si è conclusa con risultati eccezionali: 6.564.500 euro di fatturato totale, 90% di lotti venduti, il 213% sul valore e ben 8 record price mondiali d’artista.

La scelta del direttore di dipartimento, Freddy Battino, di costruire un catalogo all’insegna del classico e del ritorno al bello è stata vincente. Il pubblico di collezionisti, galleristi e dealer provenienti da tutto il mondo ha affollato le sale di Palazzo Crivelli e preso parte attivamente offrendo sia telefonicamente che online. Cina, Giappone, Russia, Svezia, Lussemburgo, Ungheria,Colombia, Stati Uniti, Belgio, Canada, Austria, Inghilterra, Francia, Germania sono solo alcuni dei paesi nei quali la partecipazione è stata più sentita.

Numerose le aggiudicazione importanti, tra le quali si segnalano: Superficie bianca - 2 – II di Enrico Castellani venduto a 450.000 euro (lotto 83), Serge Poliakoff con Composition Abstraite a 250.000 euro (lotto 53), Ed Ruscha con Three Sheets with Raisin Stains a 212.500 euro (lotto 72), Antonio Calderara con La piazzetta di Pella, Lago d'Orta a 62.500 euro (lotto 9). Tra i record le migliori aggiudicazioni sono state raggiunte da Il Trionfo della morte di Emilio Scanavino che ha registrato 175.000 euro (lotto 57) e Abecedarium 17-8-90 di Irma Blank venduto a 137.500 euro (lotto 93).

L’interesse del pubblico per la scultura trova conferma nella battitura di opere quali Spirale 1971 di Fausto Melotti venduta a 362.500 euro (lotto 107) e Crocifisso, l’elegante terracotta smaltata di Lucio Fontana (lotto 89) che ha raggiunto i 312.500 euro.

Notevoli anche aggiudicazioni quali la tela Senza Muoversi di Antonio Sanfilippo che ha segnato il nuovo record con un battuto di 65.000 euro (lotto 47), la gommapiuma Superficie lunare di Giulio Turcato con 52.500 euro (lotto 38), Gianfranco Baruchello venduto a 80.000 euro e Packed Coast (One Million Square Feet) Project for Little Bay, New South Wales, Australia di Christo a 106.250 euro.

Grazie alla qualità e alla provenienza esclusiva delle opere selezionate Il Ponte si riconferma quale punto di riferimento per il settore dell'arte moderna e contemporanea, mantenendo il primato in un mercato che si dimostra ancora una volta in ottimo stato.

Torna su