Arte orientale

Il dipartimento di Arte Orientale si configura tra i più trainanti della casa d’aste e sta riscontrando sempre più interesse, sia da parte della grande clientela cinese - intenta a ricercare oggetti e prodotti della propria tradizione - che da quella occidentale, affascinata dalla rarità e raffinatezza delle opere proposte.
Tale risultato è stato ottenuto dagli esperti attraverso un accurato studio degli stili ed una meticolosa selezione di beni inediti sul mercato e provenienti da importanti collezioni private. Porcellane, giade, coralli, avori, lacche, ma anche statuaria, mobili e dipinti dalle ricche ornamentazioni, sono quindi preziosi protagonisti a catalogo.
Tra le aggiudicazioni storiche che sanciscono l'importanza del dipartimento possiamo annoverare uno splendido scettro 'ruyi' in giada Celadon del XVIII secolo, venduto a € 212.500; un importante paravento da tavolo in legno di zitan del periodo Qianlong, venduto a € 262.500; una Moonflask in porcellana monocroma del periodo Qianlong, venduta a € 287.500; e un raffinatissimo scroll verticale intitolato “Pulcini” del celebre maestro cinese Qi Baishi, venduto a € 137.500.



L’asta del dipartimento di Arte Orientale tenutasi al Ponte Casa d’Aste il 12 maggio 2022, aggiunge al suo palmares un nuovo e importante record di fatturato pari a € 660.000, con il 72% di lotti venduti e il 247% di rivalutazione dei prezzi base.


La presenza del pubblico in sala vivacizza l’incalzare dei rilanci che, insieme all’online e ai telefoni, ha mostrato grande interesse per la raffinata selezione Cina, tra cui i vasi cinesi, top lot dell’incanto: due grandi potiches famiglia verde (lotto 75, venduto € 87.500), una coppia di vasi a smalto Doucai (lotto 32, venduto € 56.250), il grande vaso tianqiuping (lotto 95, venduto € 27.500) e il vaso in porcellana bianca e blu decorato con animali fantastici (lotto 71, venduto € 20.000).
Molto apprezzate anche altre peculiari sezioni del catalogo. Si sono distinti il tavolino in legno di huanghuali (lotto 47, venduto € 30.000) lo schermo da tavolo centrato da placca in pietra di Duan (lotto 55, venduto € 30.000), la coppia di pannelli in lacca rossa (lotto 126, venduto € 15.000) e il grande sigillo in serpentino verde celadon (lotto 110, venduto € 10.000).
La sessione del pomeriggio eterogenea e incentrata sull’arte asiatica nelle sue varie espressioni geografiche, ha raggiunto ottimi risultati con l’ampia collezione di piccole Snuff Bottle. Positivo anche il trend per gli argenti Thailandesi, come evidenziato dalla vendita del bellissimo bollitore in argento niellato (lotto 225, € 11.875). Infine, i paraventi non hanno deluso le aspettative, registrando un total sold per tutti i modelli proposti, tra cui emerge il paravento giapponese a sei pannelli attribuito a Ito Jakuen (lotto 203, venduto € 5.000).


Prossima asta




Selezioniamo beni per la prossima asta



News

Record e Risultati

Vendi con noi

Invitiamo alla consegna in vista delle prossime aste

TOP