ARTI DECORATIVE DEL 900 E DESIGN

Il Design chiama, il mercato risponde!

Risultati favorevoli per l'asta di Arti Decorative del '900 e Design che si è conclusa con circa il 75% dei lotti venduti, raggiungendo il 150% di rivalutazione dei prezzi base e significative aggiudicazioni tra cui: la sdraio a dondolo modello "PS16", esecuzione Poggi, di Franco Albini (25.000), il vaso sferico in vetro soffiato Venini di Carlo Scarpa (22.500), il grande tavolo da riunione modello "Eros" di Angelo Mangiarotti (20.000) e la lampada a sospensione, produzione Fontana Arte, di Max Ingrand (17.500).

Appare premiata la peculiarità delle aste del Dipartimento di proporre, accanto a capolavori di autori noti e riconosciuti, tipologie non convenzionali o autori storicamente documentati. Lo dimostrano i rilevanti risultati raggiunti dal vaso in maiolica di Basilio Cascella (€ 5.000) e dai disegni degli architetti Gio Ponti, Carlo Scarpa e Tomaso Buzzi, come gli ottimi exploit di alcuni pezzi speciali di Mario Bellini, Roberto ed Ezio Poggi, Giuseppe Rivadossi, accanto a quelli degli arredi di Gigiotti Zanini, Gianni Moscatelli, Adelmo Rascaroli.

Il capo dipartimento, Stefano Andrea Poli, afferma soddisfatto: "Questi risultati confermano ancora una volta  l'ottima risposta di un mercato internazionale dinamico e versatile, e la tenuta del mercato italiano: con l’82% dei bidders internazionali e una ampia partecipazione online, l’asta conferma il desiderio di ripresa comune ai clienti e agli operatori nazionali e stranieri. I grandi nomi del design italiano conquistano e raggiungono un pubblico sempre più globale e attento alla selezione dei pezzi proposti, di provenienza tracciata.” 


Torna su