ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

L'asta di Arte Moderna e Contemporanea si è conclusa con un fatturato totale di 8,3 milioni di euro e il 235% sul battuto.

Esemplari i risultati della prima giornata con 99 lotti venduti su 100 e il nuovo record price mondiale per Enrico Baj con "Grande Spettacolo" del 1956 (lotto 55) venduto a €162.500. 

"L'asta perfetta" la definisce il direttore di dipartimento Freddy Battino “Abbiamo presentato al mercato un catalogo internazionale con l'ambizione di promuovere ed esportare l'arte italiana all'estero: siamo riusciti nel nostro intento!".
La selezione di lotti è stata apprezzata in Italia, ma soprattutto oltre confine: più del 60% delle opere, infatti, è stato aggiudicato a buyers esteri (Stati Uniti, Arabia Saudita, Francia, Germania, Austria, Spagna, Svezia, Olanda, Portogallo, Belgio, Lussemburgo, Irlanda, Svizzera, Regno Unito, Ungheria, Brasile, Singapore, Hong Kong, Cina, Russia, Sud Africa, Indonesia).

Protagoniste, ancora una volta, le ceramiche di Lucio Fontana: basti pensare che "Ballerina", "Crocifissione" e "Madonna col Bambino" hanno totalizzato oltre 1 milione di euro (lotti 100, 56, 17). 
Forti i segnali dall'estero per la scultura, sempre più apprezzata e battagliata. "Forma-Luce-Spazio" di Carmelo Cappello è la prima opera dell'artista aggiudicata in America, mentre "Colonne Printemps" di Agustín Cárdenas (lotto 95) vola a €312.500 superando di oltre 10 volte la stima in catalogo e segnando il secondo prezzo mondiale mai realizzato.

Tra gli artisti internazionali premiati: Victor Vasarely con “GIZEH-K” (lotto 96 | €300.000), Yves Klein "Untitled Blue Monochrome, (IKB 322)" (lotto 87 | €262.500), Ben Nicholson con "June 60 (Ti - Ti)" (lotto 70 | €250.000), Jean Fautrier con "Les Dominos" (lotto 76|venduto €200.000), Hans Hartung con "Senza titolo" (lotto 74|€187.500) e "T1958-7" (lotto 71|€137.500), William Scott con "Senza titolo (Composition n.30)" aggiudicato a 117.500 (lotto 69), Jan Schoonhoven "R 70-14" (lotto 84|€60.000) e i due William Kentridge (lotti 97, 98) venduti a €156.250.

"Vincente la strategia di ripartire dai prezzi di 5 anni fa per gli artisti oggetto di speculazione, quali Paolo Scheggi, aggiudicato all'estero a €150.000, gli autori della pittura monocroma italiana e del Gruppo Zero"

Ottime performance anche per l'Arte Concreta: "Weiss aus Blau und Gelb" (lotto 92) di Max Bill è stato venduto a €93.750 triplicando la stima, mentre i tre monocromi di Antonio Calderara (lotti 89-90-91) hanno raggiunto oltre 100 mila euro di battuto.

Alta l'attenzione per le opere su carta, tra le quali spiccano "Natura morta" di Giorgio Morandi (lotto 24|€102.500) e "L'uccello di fuoco" di Alberto Savinio (lotto 11|€62.500).

Un'asta memorabile con una riserva iniziale di 3,5 milioni di euro che ha raggiunto il risultato più alto mai realizzato dal dipartimento.

"Certo è che questo è il momento de Il Ponte di Milano, che comunica un totale di 8.3 milioni [...]. L'asta è stata preparata con ogni attenzione e l'allestimento da galleria nei saloni di Palazzo Crivelli ha certamente influito sui risultati."

Il Giornale dell'Arte | luglio-agosto 2019

"Un fatturato di 8.337.074 euro e un tasso di venduto dell’89,4% in lotti e, addirittura, del 235% in valore. Sono queste le cifre della vendita record realizzata, l’11 e il 12 giugno scorso, dalla casa d’aste Il Ponte che chiude il 1° semestre 2019 con il totale più alto mai realizzato nella sua storia,confermandosi alla guida delle case italiane. 

Collezione da Tiffany | 3 luglio 2019

"(...) Freddy Battino è l'unico capo dipartimento d'arte moderna e contemporanea in Italia capace di inseguire le due multinazionali dell'arte. L'ultima vendita all'incanto che ha curato per la casa d'aste Il Ponte di via Pontaccio, a Milano, ha reso 8,3 milioni di euro con il 235% di venduto per valore e il 60% di partecipazione straniera (la riserva non superava i 3,5 milioni di euro)."

Milano Finanza | 22 giugno 2019

"Ancora un altro successo per il dipartimento de Il Ponte di arte moderna e contemporanea targato Freddy Battino. Il lavoro per mettere insieme i selezionati 100 lotti andati in asta oggi pomeriggio è stata una conferma che le opere ricercate, di qualità e con quotazioni eque (se non conservative) premia. Moltissimi i lotti venduti al di sopra delle stime, alcuni hanno addirittura superato vorticosamente il prezzo di partenza." 

Artslife | 11 giugno 2019

"Ponte leader tra le italiane. (...) ben 12 milioni sono giunti dal dipartimento di arte moderna e contemporanea (90% di opere vendute), che è riuscito a rompere il duopolio italiano di Sotheby's e Christie's."

Milano Finanza | 12 gennaio 2019

Torna su